25 gennaio 2006

Occhio alle scarpe cinesi: contengono nichel.


Ebbene sì dopo lo scandalo di qualche anno fa riguardante la nuova moneta, ora è la volta delle scarpe cinesi. Oltre al nichel sembra che siano presenti diverse altre sostanze tossiche. Ho ricevuto proprio oggi la segnalazione da un caro amico del blog che una settimana fa si è recato in un rinomato "store" di calzature in Alessandria e dopo l'acquisto ha dovuto ricorrere alle cure del medico per un'improvvisa dermatite da contatto. Senza scarpe migliorava, appena indossava nuovamente il paio di calzature incriminato, peggiorava. Tirate voi le conclusioni...

Ed ecco l'articolo.
Hanno preso un paio di scarpe a caso, acquistandole direttamente in negozio. Poi le hanno portate al laboratorio di Vigevano. Quel laboratorio a cui i calzaturieri sono obbligati a ricorrere per avere il nulla osta su componenti e materie prime utilizzati. I risultati non si sono fatti attendere.

Sostanze tossiche e prodotti chimici dannosi erano presenti in gran quantità. E’ partita così l’inchiesta avviata dal ministero della Salute che, su sollecitazione dell’Associazione calzaturieri italiani, ha fatto scattare misure di controllo sulle scarpe importate dalla Cina. Coloranti sotto accusa. Ma anche colle, solventi, gomma. Gli uffici di frontiera dovranno effettuare controlli a campione, prelevando tre paia di scarpe per ogni partita di calzature in arrivo da inviare ai laboratori per essere sottoposte ad analisi complete. In 20, 30 giorni si avranno le risposte e se queste dovessero confermare i sospetti denunciati dall’Anci, assicura il ministro Storace, verranno presi provvedimenti e scatterà il blocco delle importazioni. La misura, informa Roma, durerà sei mesi. “Il problema è serio - dice Roberto Vallasciani, vicepresidente dell’Anci e titolare della Dribbling di Grottazzolina -. In Europa si può sdoganare di tutto. I prodotti non sono sottoposti a nessuna certificazione per collanti, solventi, sistemi di concia e coloranti. Noi invece dobbiamo sottoporci a regole ferree. Una non reciprocità dannosa per le nostre aziende. Concorrenza sleale, a fronte già di una manodopera a basso costo in Cina ma anche in Paesi come la Turchia. Così abbiamo fatto verifiche per conto nostro. Comprando direttamente le scarpe in negozio e facendole analizzare nei nostri laboratori. Ebbene, la presenza di nichel, per esempio, è risultata di 4, 5 volte superiore a quella prevista dalle normative comunitarie”. E il caso è scoppiato. Allergie, cattivo odore, vesciche. E sotto accusa non sono solo i prodotti a basso costo. Ma anche quelli di marca, di quelle aziende che hanno spostato parte del ciclo di fabbricazione in Asia. “Multinazionali furbe”. Firme di prestigio, soprattutto di articoli sportivi, che fanno gola in particolare ai giovani. Anche qui, materiali scadenti, mastici e coloranti non a norma. Della cui presenza non si sospetta visto che l’obbligo di dichiarare il luogo di fabbricazione in Europa non c’è. Nel 2004 sono state importate dalla Cina 127 milioni di paia di scarpe. L’incremento, solo nei primi sei mesi di quest’anno è stato del 600%. L’allarme è giustificato. Anche il dermatologo invita a correre ai ripari. Proteggersi con le calze è la prima misura da rispettare, per evitare dermatiti da contatto. A soffrire di più sono i giovani che spesso usano scarpe senza calze durante l’estate. Tant’è che i casi di problemi ai piedi sono in aumento: oggi sono il 5% del totale delle dermatiti da contato. Coloranti, colle, tipo di gomma. Ma occhio. Il problema è che non si riesce neppure a fare una diagnosi esatta della sostanza che può essere pericolosa proprio perchè - avvisa l’esperto - non è utilizzata in Europa.

Fonte:www.corriereadriatico.it

5 Comments:

At 1/25/2006 6:21 PM, Anonymous Anonimo said...

.....questi ca**o di cinesi, non li sopporto più.

 
At 1/25/2006 7:24 PM, Blogger Mirko Camerin said...

Guarda che il problema è anche nostro...
molte aziende europee sono in Cina a fare affari,
quindi cerchiamo di elevarci un po' dal veloce giudizio.
I cinesi sono un popolo come tanti che popolano questo pianeta, forse a te meno simpatici, ma non per questo
colpevoli di quello che sta accadendo.
Come dice il buon Grillo, bisognerebbe esportare in Cina i sindacati. Meditate gente, meditate.

 
At 1/30/2006 12:21 AM, Blogger Lk said...

...beh sono d'accordo con te... D'altra parte di chi è la colpa se abbiamo creato in occidente per primi un modello di sviluppo insostenibile, ma cui tutti aspirano?!

L'unica globalizzazione possibile è quella dei diritti!!

Ciao e grazie dello spazio!!

 
At 6/19/2010 12:30 PM, Anonymous Anonimo said...

io ho delle scarpe di gomma cinesi comprate al mercatino,fanno una puzza terribile,tipo fragola,ma tossiche,le ho lavate 1 sacco di volte e le ho messe all'acqua per 1 giorno,ma la puzza rimane,le metto sempre all'aria,ma la puzza rimane sempre,cosa devo fare? sono troppo belle e non vorrei buttarle.
mel'ero esse 15 min circa nel balcone e i miei piedi facevano la stessa puzza e li ho dovuti lavare con abbondante sapone,mi potete consigliare?

 
At 5/23/2011 1:33 PM, Anonymous Rino said...

Verissimo, ho comprato il mese scorso un paio di scarpe nere lucide e sviluppano una puzza terribile di vernice/solvente. Sono state 15 gg fuori al balcone ma è come se le avessi appena tirate fuori dalla scatola. Quando le indosso dopo pochi minuti mi viene il mal di testa a causa di quest'odore... Mi sa che faò una capatina alla GdF per chiedere a chi rivolgermi!

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home